• 28 agosto 2017

Tu vuò fa’ l’americano: la storia di Michele D’Amelio ambasciatore Ciao in USA

Michele D'Amelio

Tu vuò fa’ l’americano: la storia di Michele D’Amelio ambasciatore Ciao in USA

845 445 Alessandra

 

ENGLISH VERSION: CLICK HERE

La pizza napoletana è il piatto più imitato del mondo, proprio per questo occorre difenderne i valori di autenticità e la ricetta originale. Ciao insieme alle associazioni dei pizzaioli e a tanti grandi produttori del Made in Italy prende molto seriamente questo impegno, ormai da generazioni. Qui vi raccontiamo la storia di Michele D’Amelio ambasciatore della bontà campana del nostro pomodoro, in USA.

“Tu vuò fa l’americano ma si nato in Italy”, canta Renato Carosone in uno dei suoi celebri successi, ma per Michele non è andata proprio così!
Lui l’americano lo fa per professione, per raccontare nel Nuovo Continente cosa distingue la pizza napoletana da quella a stelle e strisce.

Una vita fatta di viaggi, di mani in pasta, fiere, seminari, master class, ma anche di una sua pizzeria: Chest’è Pizza a Lioni in provincia di Avellino, rilevata nel 2010 per lasciar un pezzo di cuore in Italia, anche se parte della sua famiglia risiede ormai a New York.

Le giornate di Michele trascorrono volando da un paese all’altro negli States.

Ecco cosa ci racconta tra un decollo e un atterraggio dei suoi #viaggidipizza.

Da quanto tempo usi il pomodoro Ciao?
Ho conosciuto i pomodori Ciao quando ho aperto la mia pizzeria in provincia di Avellino. Ed è stato amore al primo assaggio. Poi dopo un paio d’anni ho deciso di intraprendere la mia esperienza americana insieme ad APN e lì ho potuto approfondire l’unicità dei prodotti del Sud Italia.

Perché tanta passione per il nostro pomodoro ?
Il mio lavoro consiste nel raccontare la cucina napoletana agli addetti ai lavori Made In Usa.  Mostro come preparare la pizza napoletana ma anche un buon ragù, un buon piatto di pasta all’italiana e molta fatica me la risparmia proprio la scelta degli ingredienti giusti.

Cosa distingue la pizza napoletana da quella americana?
In primis gli ingredienti: farina, pomodoro, mozzarella, non c’è paragone con quelli campani. Ai nostri ingredienti non servono additivi per raggiungere l’eccellenza del gusto, non posso dire lo stesso di tanti prodotti Made in Usa.

E il futuro? Come lo vedi?
Non escludo di poter aprire anche qui una pizzeria. In America le opportunità non mancano, ma a mancarmi sono le cose semplici che qui non trovo: un caffè al bar, una passeggiata in piazza. La differenza nell’arte bianca fa da specchio a quella tra gli stili di vita e anche in questo caso quello all’italiana è invidiato in tutto il mondo!