• 13 Agosto 2017

Diario della raccolta 2017: una giornata con Davide Civitiello e Simone Fortunato

raccolta con civitiello e fortunato

Diario della raccolta 2017: una giornata con Davide Civitiello e Simone Fortunato

Diario della raccolta 2017: una giornata con Davide Civitiello e Simone Fortunato 845 445 Alessandra

ENGLISH VERSION: CLICK HERE

Tanto lavoro, ma anche tante soddisfazioni: l’estate per Ciao è tempo di raccolta e continui test per mettere alla prova la qualità dei nostri prodotti. Quest’anno abbiamo portato con noi un pool di assaggiatori d’eccezione, i pizzaioli campioni del mondo Simone Fortunato e Davide Civitiello che hanno toccato con mano la qualità dei nostri pomodori, a partire proprio dal primo step: i nostri campi!  Ecco il racconto di una giornata particolare.

Un ‘estate bollente e allo stesso tempo eccezionale per le nostre coltivazioni, un caldo record che ha costretto a un lavoro in tempi ancor più ristretti, per mantenere intatto il prodotto come appena raccolto, ma allo stesso tempo ha anche portato colori e sapori intensi alle nostre coltivazioni.

Noi abbiamo fatto toccare con mano la materia prima della nostra produzione 2017-2018 a due tester eccellenti, Simone Fortunato, 3 volte campione del mondo di Pizza Veloce e Davide Civitiello, campione di pizza Stg: entrambi vincitori (anche se in edizioni diverse)del Trofeo Caputo al Napoli Pizza Village .

«La pizza è un piatto fortemente legato alla terra- ci racconta Davide Civitiello- perché per produrre eccellenza non basta aver approfondito la tecnica dell’impasto, ma bisogna selezionare attentamente le materie prime e conoscere i propri ingredienti fin nel dettaglio. La pizza è un piatto pieno di storia, ma anche di storie: quelle dei nostri produttori campani!»

Per Davide Civitiello e Simone Fortunato un tour tra i colori più vivaci della Campania: il rosso dei nostri campi di San Marzano D.O.P, ma anche il verde brillante delle nostre coltivazioni di basilico che aggiungiamo foglia a foglia, alle latte di pelati per il mercato americano.

«Non avevo mai visto come si coltiva il basilico- spiega Simone Fortunato della Pizzeria Diaz- scoprire da vicino come nascono gli ingredienti che seleziono ogni giorno per le mie pizze è stato stimolante, ma anche molto istruttivo. Per un pizzaiolo che vuole fare la differenza, è molto importante selezionare con cura i prodotti del suo menu e saperli maneggiare conoscendone tutte le caratteristiche»

A chiudere la giornata un tour tra i vari step della produzione di pelati, che ha spiegato ai nostri pizzaioli come in poche ore i pomodori passino dal campo alla latta, proprio per non perdere nulla del loro profumo e sapore.

«Passeggiare tra le latte che si riempivano di pelati- conclude Davide Civitiello- è stato un po’ come tornare indietro ai tempi di mia nonna, quando l’estate aveva il profumo della terra e dei pomodori messi a bollire!»

Il ricordo che si è portato casa, Simone Fortunato, invece è quello dell’odore del basilico forse perché lo lega ad una grande avventura che sta per iniziare. Il 22 settembre Sorrento sarà la culla di un nuova catena di pizzerie: Basilico Italia, che lo vedrà pizzaiolo executive manager, in collaborazione con l’esperienza organizzativa di Maurizio Mastellone.
La penisola, sarà il primo step, ma l’obiettivo è portare in tutto lo stivale, l’eccellenza dei grandi prodotti campani.
Cosa c’entra Ciao? Ve lo racconteremo molto presto!