Articoli taggati :

pelati

risposte game
Le soluzioni al Pizza Game di Ciao 1024 576 Alessandra

Le soluzioni al Pizza Game di Ciao

Un grande successo il quiz di Ciao – il pomodoro di Napoli organizzato per festeggiare la prima edizione a Milano di Pizza Village. In tanti avete partecipato e detto la vostra sulla pizza napoletana. Ma chi ha risposto esattamente ai Quiz di Davide Civitiello e Vincenzo Capuano e perché? Ecco le risposte.

Un vero appassionato di pizza napoletana sa tutto del suo piatto preferito. Ecco perché abbiamo voluto mettere un po’ alla prova gli amici di Ciao – il pomodoro di Napoli che da anni è sponsor dei principali eventi di settore.

E così abbiamo coinvolto due maestri pizzaioli come Davide Civitiello e Vincenzo Capuano concordando 4 domande, tra intuito e tecnica, da sottoporre ai nostri amici durante i giorni milanesi di Pizza Village Home.

E siete stati tutti bravissimi.
Alcuni più precisi di altri però.
Perché?

Ecco i 4 Indovinelli e le risposte ad ogni quiz.

Il primo quiz ce lo ha presentato Davide Civitiello, a Milano per conto di Rossopomodoro ed era

Ciao è il pomodoro ufficiale del Napoli Pizza Village : ma quanto pomodoro in media si è consumato secondo voi nell’ultima edizione sul Lungo Mare ??

Qui la Risposta era 15.000 chili.
Un po’ a fortuna lo ammettiamo!

Il secondo lo abbiamo affidato a Vincenzo Capuano . Ecco il testo.

Ci vuole più pomodoro per preparare una margherita o una marinara?

Risposta . Ne occorre di più per la Marinara. Secondo il Disciplinare infatti la Marinara richiede 70 – 100 gr di pomodoro e la Margherita 60/80 gr

Il terzo quiz siamo tornati a chiederlo a Davide. Eccolo:

Come tutti sanno la tecnica migliore per preparare il pomodoro per la pizza napoletana è la frantumazione a mano . Perché?

Risposta: Perché così non si incorre nella frantumazione dei semi che modificherebbero il gusto del pomodoro. Chi non ha risposto correttamente non se la prenda , basterà ripassare il Disciplinare della Verace Pizza.

E per finire Vincenzo Capuano ha dato l’ultima stoccata

Quanto sale va aggiunto a un chilo di pomodoro nella preparazione del topping per la pizza napoletana.
La Risposta era 10/12 gr per chilo. Qui siete stati davvero bravissimi.

Ecco quindi la lista dei promossi.

Giuseppe Toscano

Mahmoud Talaat

Chef Antonio Bia

Giuseppe Irgiglio

Francesco Palmieri

Manuel Renzi

Agostino Nuzzi

Dino Esposito

Saba Taf (Sabatino)

Armando Fersino

Pizzaudace

Imbimbo Salvatore

Matteo Ungaro

Zanella James

Clara Sardella

Manu Mennella

Aldo Palazzo

Chef Mantini

Siamo Pizzeria

Luca D’Oria

Nunzia Strazzullo

Simone Palermo

Rubens Rexhepi

Costanzo Ylenia

Fabio Pica

Francesco Lavino

Mario Danise

Gio Coppola

Bottaro Diego

Simone Loffredo

Amedeo Lucano

Giorgio Pierfrancesco Manganella

 

Tutti gli altri?

Tutti gli altri saranno rimandati si spera a settembre, o meglio ci saranno altre opportunità di giocare appena sarà possibile ritrovarsi , magari proprio sul Lungomare di Napoli !!

Sorpresine in arrivo!

quiz
Il quiz di Ciao il Pomodoro di Napoli 1024 576 Alessandra

Il quiz di Ciao il Pomodoro di Napoli

 Per festeggiare la prima edizione di Pizza Village a Milano, che di terrà dal 5 all’8 novembre, Ciao il pomodoro di Napoli ha preparato una piccola sorpresa : un gioco da fare insieme , rigorosamente restando a casa come tutte le attività di Pizza Village Home. Ecco cosa accadrà.

Un gioco dal sapore napoletano è quello che aspetta tutti gli amici di Ciao – il pomodoro di Napoli e Pizza Village Home.

Mettete via mascherine e presidi sanitari però, per giocare con Ciao – il pomodoro di Napoli non serve uscire di casa, occorre solo conoscere la pizza napoletana.

 

Come si gioca

4 domande per altrettante curiosità sulla tecnica della pizza napoletana vi accompagneranno durante i giorni della kermesse: ovvero dal 5 all’8 novembre. Le domande le troverete nelle stories Instagram e Facebook di Ciao il pomodoro di Napoli . Tutto quello che dovrete fare sarà rispondere in Direct o Messenger.

I 4 Quiz verranno proposti  da due maestri pizzaioli d’eccellenza Davide Civitiello di Rossopomodoro e Vincenzo Capuano della pizzeria Vincenzo Capuano a Napoli e Pozzuoli

Saranno domande brevi a risposta aperta (ovvero non basterà un semplice si o no) Per i primi che risponderanno correttamente ci sarà una simpatica sorpresa.

 

E allora non perdetevi le nostre stories e naturalmente buona pizza

Gulfood 2020
Ciao partecipa a Gulfood 2020 1024 576 Alessandra

Ciao partecipa a Gulfood 2020

Riparte il tour di “Ciao – il Pomodoro di Napoli” per far conoscere il principe della cucina partenopea in tutto il mondo. Prossima tappa Dubai dove dal 16 al 20 febbraio 2020 si terrà Gulfood 2020. Scopri tutte le novità dal Sole del Vesuvio al Dubai Trade Center. Ci trovi alla Hall2 stand C2 34 .

Cosa accadrà?

I sapori del Vesuvio sbarcano di nuovo a Dubai per Gulfood 2020, portando anche nei paesi arabi i profumi della cucina partenopea.
Pizza e polpette, saranno i due principali protagonisti degli show cooking di “Ciao – il Pomodoro di Napoli: due piatti cult semplici e genrerosi come tutti i sapori del Sud Italia.

Saranno due i grandi matador della napoletanità.

Davide Civitiello difenderà i colori dell’arte bianca sfornando le più classiche ricette della tradizione all’ombra del Vesuvio: marinara e margherita con qualche chicca che non manca mai ai suoi cooking show.
Ignazio Brancato del Costa Beach di Ferrara racconterà l’arte delle polpette specialità napoletana, ma anche piatto tipico della cucina di tutta Italia. La polpetta napoletana che asseggeremo al Dubai Trade Center è un piatto magico che sa dosare sapientemente l’umiltà degli ingredienti della cucina tipica partenopea (come il pane raffermo immancabile nelle polpette) e la ricchezza di sapore che solo il sole del Vesuvio sa regalare a prodotti come i pomodori Ciao.

Vuoi ritrovare in tutto il mondo i profumi mediterranei di “Ciao – il Pomodoro di Napoli”?

Seguici sul nostro sito e la nostra pagina Facebook e se sei un professionista lascia nella messaggistica privata dei nostri social i tuoi riferimenti (email, nome e indirizzo del tuo locale e numero di telefono) per rimanere aggiornato tramite la nostra newsletter.

 

controlli di qualità
Come arriva in tavola la qualità dei pomodori Ciao 1024 536 Alessandra

Come arriva in tavola la qualità dei pomodori Ciao

ENGLISH VERSION: CLICK HERE

 

Solo pomodori interi e succo di pomodori, in conserva: non serve nessun altro ingrediente per ottenere la qualità dei prodotti Ciao. A questa semplicità si aggiunge un metodo rigoroso che verifichi che tutto sia fatto alla perfezione. Scopriamo insieme da cosa nasce la certezza di portare sempre in tavola l’estate napoletana.

Attenzione, controlli e metodo queste le 3 parole chiave della produzione di Ciao.
I nostri pomodori arrivano nella tua cucina, interi, perfetti, carnosi lucidi e sodi perché vengono inscatolati a poche ore dalla raccolta. Ma anche grazie a controlli puntuali durante tutto il processo di produzione.

Vediamo insieme quanta cura impiega Ciao per mantenere la promessa di portare sempre in tavola l’estate napoletana.

Il primo controllo di qualità è ovviamente quello che avviene nei campi.

Attraverso il monitoraggio costante delle coltivazioni e delle quantità piantate per ettaro e grazie ad accordi precisi con le cooperative agricole è possibile rigettare gli ortaggi non conformi agli standard.

Poi ci sono i test in fabbrica lungo tutto il processo di produzione.

  • Controlli del perfetto colore dei pomodori che scartano i più verdi o i gialli separandoli dai rossi.
    Controlli della calibratura ovvero dell’omogeneità delle grandezze.
    Controlli dell integrità dei pomodori anche dopo la pelatura.

L’ultima verifica prima del confezionamento è quella sempre artigianale delle nostre signore del Vesuvio.

Solo l’esperienza contadina può  completare con occhi e mani il lavoro delle macchine.

In aziende storiche come Ciao – il pomodoro di Napoli, niente quindi può sostituire il lavoro dell’uomo.

Mani e tecnologia insieme fanno dell’innovazione il mezzo per rendere più sicura la tradizione: questa è la morale di una storia fatta di sapore e cultura!