Articoli taggati :

Pizza

Pizza Village
Pizza Village e Ciao: si torna a Napoli 810 450 Alessandra

Pizza Village e Ciao: si torna a Napoli

Ciao – il pomodoro di Napoli continua il suo tour per raccontare al mondo l’antica ricetta napoletana della pizza più verace e lo fa come protagonista di Pizza Village in tutta sicurezza anche in tempi di distanziamento sociale. Ecco la road map del viaggio e le prossime tappe.

Ciao in prima linea anche nei nuovi format di Napoli Pizza Village: il Pizza Village Home che vuole portare uno spicchio di Napoli in tutto il mondo, sempre in tutta sicurezza!
Il ruolo di Ciao è stato e sarà appunto quello di pomodoro ufficiale della veracità della pizza napoletana in tutte le tappe del suo giro del mondo.

Milano
Palermo e
New York
Sono le rotte coperte finora dalla versione delivery del format sulla pizza che unisce tradizione e innovazione .
La tradizione è quella di una ricetta semplice e antica così come semplici e antichi sono gli ingredienti per realizzarla, l’innovazione è quella di un modo diverso di raccontarla, ovunque la si gusti attraverso modalità sempre nuove di interazione.

Dopo tanto girare però è ora di tornare a casa, a Napoli.
La nuova tappa del tour , la più attesa, sarà perciò proprio il capoluogo campano dal 3 al 6 giugno.

Vincenzo Capuano
Fiorenzano
I Re di Napoli
Pizzeria 3.0 – Ciro Cascella
Napoli 1820
Cicciotto Pizzeria
Antica Pizzeria Da Gennaro
Pizzeria Errico Porzio
Fermento
Federico Guardascione
Antica Pizzeria Vesi
Gino e Toto Sorbillo
L’Antica Pizzeria Da Michele
Dalle Figlie di Iorio
Lucignolo Bella Pizza

Questi sono gli artigiani che per 4 giorni, apriranno le porte delle loro case, le pizzerie, proponendo in esclusiva per Pizza Village, ricette inedite e tante sorprese in esclusiva per i giorni della manifestazione da gustare finalmente a tavola nei locali partenopei!

Il saper fare del Sud di Ciao il pomodoro di Napoli e dei suoi maestri pizzaioli, dopo aver fatto da filo conduttore per tutti gli appassionati del mondo, torna a guardare il Vesuvio, confermando la pizza come un piatto che dà gioia ovunque: in strada, a casa e ora anche di nuovo in pizzeria!

Ciao e Pizza World Masterclass
Ciao e Pizza World Masterclass 810 450 Alessandra

Ciao e Pizza World Masterclass

Ciao vuole raccontare come la pizza napoletana sia una piatto super popolare e lo fa diventando partner di Pizza World Masterclass, il seminario sulla pizza napoletana fatta in casa, che si terrà il 17 gennaio 2021 e a cui potrai partecipare via web .Scopri come.

Metti una squadra di Pizzaioli d’eccellenza, una pizzeria famosissima, l’arte della Pizza Napoletana Patrimonio dell’Unesco e ingredienti d’eccellenza e avrai realizzato il mosaico di Pizza World Master Class: un vero e proprio seminario sulla pizza napoletana che si terrà rigorosamente in streaming, per rispettare le regole imposte dalle normative sanitarie.

Come partecipare?

Partecipare è semplicissimo . Come in ogni corso che si rispetti basta iscriversi e per farlo occorrerà accreditarsi tramite i seguenti link:

 

https://fb.watch/2OXAIMex9Y/

https://fb.me/e/OGewl2nN

Il seminario

Il seminario si terrà direttamente nella Pizzeria Sorbillo una dei locali di punta del panorama partenopeo.
Gino Sorbillo, Alessandro Condurro, Davide Civitiello, Enzo Coccia, si alterneranno al banco da lavoro e al forno a legna per raccontare come declinare il piatto più mangiato al mondo in versione domestica.

Tecniche di impasto , manipolazione, lievitazione e cottura: Pizza World Masterclass è un vero è proprio ritratto sulla pizza napoletana con i più grandi protagonisti dello scenario partenopeo.

La differenza rispetto ai soliti seminari è che il fulcro sarà il forno di casa e l’attività sarà fruibile in streaming

Ciao sa quanto l’arte della pizza napoletana vada diffusa secondo i dettami proposti dalle associazioni di categoria. Troppi sono i tentativi di imitazione e mistificazione di un piatto che resta e resterà sempre napoletano e popolare nel DNA.

Ci vediamo il 17 gennaio, non mancate.

Ciao è il pomodoro perfetto per la tua pizza
Perché Ciao il pomodoro di Napoli è perfetto per la tua pizza 1024 576 Alessandra

Perché Ciao il pomodoro di Napoli è perfetto per la tua pizza

Come deve essere il pomodoro perfetto per la pizza napoletana? Di certo in un piatto semplice come la Marinara o la Margherita ci vuole un prodotto che abbia il giusto equilibrio in fatto di consistenza, acidità, freschezza e sapidità. Vediamo insieme perché Ciao è quello che fa per il tuo forno a legna .

Precottura o no? E la frantumazione come deve essere? Più o meno denso? Proprio perché Margherita e Marinara sono le pizze più semplici del menu, i pochi ingredienti che le condiscono devono stare insieme alla perfezione.
Ecco allora un piccolo vademecum su cosa chiedere al pomodoro che scegli per la tua arte bianca

L’identikit del pomodoro perfetto

C’è chi decide di cuocere il pomodoro prima di condire la sua margherita o marinara, ma questo indubbiamente toglie freschezza e sapore di sole al risultato finale perché implica un secondo passaggio in cottura.

Allo stesso tempo esistono in cucina correttori come lo zucchero o l’amido di mais che sono naturali, ma di certo alterano il sapore originale del condimento.

Perché allora non scegliere un pomodoro che sia conforme al 100% a quanto previsto dal Disciplinare della Verace Pizza?

 

Il Disciplinare della Verace Pizza

Secondo il documento ufficiale che mette nero su bianco tutti i principi dell’Arte del Pizzaiuolo Napoletano, ormai Patrimonio dell’Unesco, il pomodoro per la Pizza Marinara e Margherita dovrà essere:
Fresco o pelato
In caso di pelato si potrà scegliere tra tipo Roma (o oblungo) e San Marzano e poi dovrà essere sgocciolato e frantumato a mano per ottenere la giusta consistenza e non alterarne

 

Per scegliere il pomodoro per la pizza napoletana quindi occorre tener conto dei seguenti parametri

Densità : considerando anche l’aggiunta di altri ingredienti e la successiva cottura in forno, il pomodoro non dovrà essere troppo liquido, ma nemmeno troppo denso

Freschezza: un pomodoro come quello Ciao, raccolto e conservato in poche ore consente di mantenere tutto il sapore del prodotto estivo

Acidità: anche in questo caso occorre equilibrio tra la componente zuccherina e quella acida degli ortaggi che pertanto dovranno essere conservati al giusto grado di maturazione

Sapidità: secondo il disciplinare della Verace Pizza il pomodoro va salato in anticipo non direttamente sul disco di pasta. Questo significa che il prodotto appena aperto dovrà contenere una quota di sale che preveda questo passaggio prima della cottura

Ciao il pomodoro di Napoli è pensato per i piatti della tradizione partenopea e italiana e quindi possiede tutti i requisiti per una pizza d’eccellenza

il presepe dei pizzaiuoli
Ciao- il pomodoro di Napoli e il Presepe dei Pizzaiuoli 1024 576 Alessandra

Ciao- il pomodoro di Napoli e il Presepe dei Pizzaiuoli

Un presepe dedicato alla pizza napoletana mancava nel panorama dell’arte presepiale.  E così in occasione dell’anniversario della proclamazione dell’arte dei Pizzaiuoli Napoletani a patrimonio immateriale dell’umanità, l’APN ha deciso di colmare questo gap. Ciao poteva mancare all’appello? Gustatevi il primo presepe in pasta di pizza!

Arte dei Pizzaiuoli e arte del presepe: cosa c’è di più napoletano? E così quest’anno l’Associazione Pizzaiuoli Napoletani in collaborazione con gli artigiani di San Gregorio Armeno ha realizzato un’opera davvero eccezionale. Il presepe sarà esposto fino al 10 gennaio nella Basilica di Santa Chiara a Napoli.

 

Il presepe

La struttura è quella di un presepe tradizionale del 700. La base è in legno e i pastori in terracotta con i classici vestiti in seta. Ma a ben guardare il presepe della Basilica di Santa Chiara è un’opera del tutto nuova rivestita di pasta di pizza .

<<Invece dello stucco noi artigiani presepiali in collaborazione con i Pizzaiuoli di APN abbiamo usato il materiale più naturale del mondo: acqua e farina – commenta Salvatore Iasevoli, autore dell’opera. >>

Nel presepe dei Pizzaiuoli non manca niente: dalla famosa cascata che caratterizza l’artigianato partenopeo più evoluto e che porta l’acqua ai mulini per fare la farina, alle cupole che rappresentano gli antichi sedili di Napoli , fino ad arrivare a una vera pizzeria.

E naturalmente il condimento principale della pizza napoletana non poteva mancare. All’interno del presepe dei Pizzaiuoli quindi uno spazio è dedicato alla raccolta dei pomodori e naturalmente il marchio scelto è Ciao – il pomodoro di Napoli che ha tutte le caratteristiche dei sapori del Sud.

<<Questo presepe ha gran valore in difesa delle tradizioni . Arte dei Pizzaiuoli e arte del Presepe questa volta si sono unite per fare scudo all’originalità del Made in Italy che in entrambi i settori viene insidiata dalla contraffazione. – A parlare è Sergio Miccú presidente di APN. Speriamo che presto altre forme di artigianato possano godere delle tutele che conferisce il conseguimento di un titolo come quello di patrimonio immateriale dell’umanità. La battaglia di #pizzaunesco continua !>>

quiz
Il quiz di Ciao il Pomodoro di Napoli 1024 576 Alessandra

Il quiz di Ciao il Pomodoro di Napoli

 Per festeggiare la prima edizione di Pizza Village a Milano, che di terrà dal 5 all’8 novembre, Ciao il pomodoro di Napoli ha preparato una piccola sorpresa : un gioco da fare insieme , rigorosamente restando a casa come tutte le attività di Pizza Village Home. Ecco cosa accadrà.

Un gioco dal sapore napoletano è quello che aspetta tutti gli amici di Ciao – il pomodoro di Napoli e Pizza Village Home.

Mettete via mascherine e presidi sanitari però, per giocare con Ciao – il pomodoro di Napoli non serve uscire di casa, occorre solo conoscere la pizza napoletana.

 

Come si gioca

4 domande per altrettante curiosità sulla tecnica della pizza napoletana vi accompagneranno durante i giorni della kermesse: ovvero dal 5 all’8 novembre. Le domande le troverete nelle stories Instagram e Facebook di Ciao il pomodoro di Napoli . Tutto quello che dovrete fare sarà rispondere in Direct o Messenger.

I 4 Quiz verranno proposti  da due maestri pizzaioli d’eccellenza Davide Civitiello di Rossopomodoro e Vincenzo Capuano della pizzeria Vincenzo Capuano a Napoli e Pozzuoli

Saranno domande brevi a risposta aperta (ovvero non basterà un semplice si o no) Per i primi che risponderanno correttamente ci sarà una simpatica sorpresa.

 

E allora non perdetevi le nostre stories e naturalmente buona pizza

Gallery Napoli Pizza Village 2019
Napoli Pizza Village 2019 : il racconto fotografico 1024 536 Alessandra

Napoli Pizza Village 2019 : il racconto fotografico

Nell’edizione 2019 del Napoli Pizza Village, Ciao il pomodoro di Napoli ha dato il giusto spazio non solo agli artigiani fornendo ben 15.000 chili di prodotto per tutte le preparazioni della kermesse, ma ha messo l’accento anche sulle colonne portanti della sua produzione: le signore del Vesuvio, che ogni giorno lavorano per portare nel mondo l’eccellenza del Sud Italia. Ecco il racconto fotografico di una serata da star della cucina.

 

Una serata davvero eccezionale si è svolta durante l’edizione 2019 del Napoli Pizza Village: una festa nella festa! La Grande Famiglia di Ciao Il pomodoro di Napoli si è riunita intorno alla tavola: simbolo della convivialità napoletana, con tanta voglia di far festa.

 

La tavola naturalmente era imbandita con le migliori pizze partenopee: quelle del Napoli Pizza Village, sfornate dagli artigiani di Ciao Il pomodoro di Napoli

 

 

Ciao è un’azienda che mette la tecnologia al servizio della tradizione. Ecco perché le nostre lavoratrici sono indispensabili: perché rappresentano l’esperienza popolare che non può prescindere dall’innovazione

 

 

E con i loro sorrisi hanno reso la festa della pizza per antonomasia ancor più speciale, come ogni giorno con la loro veracità trasformano la nostra azienda in una grande famiglia

 

 

 

 

 

Foodex Japan 2019, una nuova avventura per Ciao 1024 768 Mariangela

Foodex Japan 2019, una nuova avventura per Ciao

È cominciata una nuova avventura in giro per il mondo assieme ai nostri pomodori e alle nostre tradizioni.

Foodex Japan 2019, arriviamo

Il nostro viaggio ci porta, anche quest’anno, a Tokyo presso il Foodex Japan 2019, la più importante manifestazione fieristica per il settore agroalimentare in Giappone, nonché evento di grande richiamo commerciale per tutta l’Area Asia Pacifico, con oltre 70.000 visitatori professionali e 3.400 espositori registrati nella scorsa edizione.

Perché scegliere il Foodex Japan?

Foodex Japan abbraccia un’ampia fetta del mercato alimentare e da 30 anni è l’evento più importante in Giappone del settore. Il Giappone è l’undicesimo Paese per destinazione dell’export eno-agroalimentare italiano ed il terzo mercato extra europeo dopo gli USA e il Canada.

Nel 2018 il valore delle importazioni dall’Italia di prodotti eno-agroalimentari è stato di 737 milioni di euro, un +3,7% rispetto all’anno precedente.

Passate a trovarci!

Vi aspettano tanta pizza, tra cooking show e masterclass, ma soprattutto tanto pomodoro Ciao, con le sue inimitabili caratteristiche, frutto di un mix perfetto tra clima, suolo, lavorazione e tradizione.

L’appuntamento è presso la HALL 6 STAND A-51 del Makuhari Messe International Convention Complexcon di Chiba, dal 5 all’8 marzo, con i nostri succosi pomodori, tanti ospiti e sorprese deliziose.

Gulfood 2019
Ciao protagonista della XXIV edizione di Gulfood 1024 536 Alessandra

Ciao protagonista della XXIV edizione di Gulfood

98,000 visitatori, 5000 espositori per 1 milione di metri quadrati di show: ecco i numeri di Gulfood 2019, il più grande evento del mondo per l’area business del Food & Beverage che si terrà al Dubai World Trade Center e di cui Ciao – pomodoro di Napoli è protagonista. Viaggia con noi!

Un mondo in continua evoluzione quello legato al settore del F&B e in cui sicuramente i prodotti italiani occupano il centro della scena e questo va mostrato con orgoglio, soprattutto se si tratta di lavorazioni come le conserve di pomodoro, da sempre legate alla tradizione del Sud Italia.

Perché Gulfood 2019?

È proprio per raccontare al mondo l’unicità di una specialità legata a doppio filo alla storia e alla cucina Made in Italy che nasce l’esigenza di partecipare ad eventi come Gulfood che andrà avanti fino al 21 febbraio.
Il pomodoro infatti è prodotto in tanti paesi al mondo, ma quello del Vesuvio, grazie alle caratteristiche uniche di suolo e clima è inimitabile. Inoltre il metodo di lavorazione scelto da Ciao – il pomodoro di Napoli consente di portare in tavola intatto il sapore della Campania, grazie alla velocità dei tempi di conserva e agli elevatissimi standard di produzione. 

Cosa accadrà a Gulfood 2019

La 24a edizione della più grande kermesse legata al business del Food & Beverage si preannuncia ancora più ricca di curiosità e iniziative.

Non solo un focus sulle nuove tecnologie legate alla gestione della ristorazione e alla riduzione dello spreco e degli scarti alimentari, ma anche tanta attenzione alle cucine internazionali, attraverso master class e cooking show anche di arte bianca.

Ciao e la Casa della Pizza

Ciao – il pomodoro di Napoli sarà una delle grandi aziende protagoniste de La Casa della Pizza il cuore dell’arte bianca del Dubai Trade Center.

È nella Hall 2 allo stand c2 34 che è allestito il cuore artigiano che vede insieme i 4 ingredienti che fanno grande nel mondo la pizza napoletana.

Le conserve di Ciao il pomodoro di Napoli insieme alle farine di Mulino Caputo all’olio di Olitalia, alla mozzarella di Sorì e all’arte di un pizzaiolo napoletano come Davide Civitiello faranno assaporare la grandezza di un patrimonio immateriale dell’umanità.

Vuoi partecipare?

Vuoi scoprire i segreti della napoletanità di Ciao e CMDO? Vuoi assaggiare le pizze uniche che hanno fatto grande Napoli nel mondo?

Gulfood è aperto agli operatori di settore fino alle 17 del 21 febbraio.

Ti aspettiamo!

Progetto in collaborazione con :
POR Campania FESR 2014-2020
Asse III – Obiettivo Specifico 3.4 – Azione 3.4.2
AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI VOUCHER PER LA PARTECIPAZIONE DI
MICRO E PMI CAMPANE AD EVENTI FIERISTICI INTERNAZIONALI
CUP B25F18001990008

European Pizza and Pasta Show
European Pizza and Pasta Show: Ciao e la cucina italiana trionfa a Londra 1024 536 Alessandra

European Pizza and Pasta Show: Ciao e la cucina italiana trionfa a Londra

Un evento completamente dedicato alla pizza e alla pasta i simboli dell’italianità nel mondo: questo è European Pizza and Pasta Show che dal 13 al 15 novembre ha riempito i saloni dell’Olimpia di Londra dei profumi dello stivale del pomodoro Ciao.

La kermesse

European Pizza and Pasta Show è un evento esclusivo dedicato al mercato B2B, cioè agli operatori del settore food. La kermesse si pone l’obiettivo di far conoscere il settore della pizza e dei primi piatti mettendo in comunicazione i punti nevralgici del mercato.

I protagonisti di questa manifestazione

Chi sono i veri protagonisti di ogni edizione dell’European pizza and Pasta Show?

● Grossisti e dettaglianti alimentari,
● pizzaioli e proprietari di pizzerie,
● catene della grande ristorazione e locali indipendenti,
● alberghi e servizi di catering,
● distributori di attrezzature,
● produttori ingredienti speciali,
● fornitori di prodotti alimentari e di servizi:

Questa è la road map dei partecipanti alla manifestazione che quest’anno ha raccolto oltre 150 espositori e migliaia di visitatori da tutto il mondo.

Ciao a EPPS 2018

Ciao il pomodoro di Napoli ha portato a Londra la passione di un prodotto lavorato ancora con tecniche semi artigianali, il rispetto per le tradizioni contadine e un metodo che consente di conservare i suoi pomodori a poche ore dalla raccolta.

Il pomodoro, del resto è il re della cucina italiana, sia perché è l’emblema della dieta mediterranea sia perché si accompagna a ricette a tutto pasto.

Pizze, focacce, torte salate, primi piatti di mare e di terra, ma anche secondi e contorni : con un prodotto di qualità come Ciao il pomodoro di Napoli, si può davvero realizzare un menu italiano a tutto tondo.

Il valore di una manifestazione come European Pizza and Pasta Show quindi non sta solo nel mettere in comunicazione brand ed esperienze commerciali, ma anche nel diffondere la cultura dei prodotti made in Naples e il saper fare all’italiana, fatto di passione, competenza e attenzione al passato strizzando gli occhi al futuro: i valori che Ciao mette ogni giorno nel suo metodo di produzione.

Progetto in collaborazione con :
POR Campania FESR 2014-2020
Asse III – Obiettivo Specifico 3.4 – Azione 3.4.2
AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI VOUCHER PER LA PARTECIPAZIONE DI
MICRO E PMI CAMPANE AD EVENTI FIERISTICI INTERNAZIONALI
CUP B25F18001990008

La pizza napoletana in Oriente
Ciao e il lato orientale della pizza napoletana 845 445 Alessandra

Ciao e il lato orientale della pizza napoletana

ENGLISH VERSION: CLICK HERE

 

Essere al servizio della pizza napoletana in ben 91 paesi, significa saper interpretare le sfumature culturali della parola Napoli, in mille modi. Cosa vuol dire, per esempio, essere un pizzaiolo in Cina? Scopriamolo insieme a due artigiani, inviati speciali : Angelo Tramontano e Maurizio Iannicelli.

La pizza è il piatto più mangiato al mondo, ma anche il più imitato, con versioni non sempre fedeli all’originale.

Il sogno racchiuso nel Disciplinare della Pizza Napoletana è quello di portare l’arte bianca del Vesuvio in tutto il mondo a colpi di tecnica e naturalmente di ingredienti giusti.

Ed è proprio raccontare al mondo le specificità del pomodoro di Napoli la missione dei viaggi di Ciao.

E così in occasione della Caputo Cup a Nanchino e di FHC China abbiamo sguinzagliato 2 artigiani con la giubba di Ciao a caccia dello stato dell’arte della pizza in Oriente.

Ecco il diario di viaggio di Maurizio Iannicelli della pizzeria Napul’è e di Angelo Tramontano di ‘ O Sarracino.

Com’è vista la pizza napoletana in Cina?

Il popolo cinese impazzisce per la cucina italiana e soprattutto per la pizza napoletana! – Ci racconta Maurizio Iannicelli della Pizzeria Napul’è – C’è grandissima attenzione alla tecnica  e alla qualità dei prodotti italiani. Per non parlare dell’ entusiasmo di appassionati e semplici golosi, che tendono a identificare la pizza con gli ingredienti, come il pomodoro Ciao,  come unico condimento per un piatto verace.

Come lavorano i pizzaioli cinesi?

Umili, puliti, educati, con tanto entusiasmo e voglia di imparare: questo è il ritratto di pizzaioli cinesi che abbiamo incontrato nel nostro viaggio in Oriente. – A parlare è Angelo Tramontano della Pizzeria ‘ O Sarracino. – Durante le master class che abbiamo tenuto a Nanchino, abbiamo potuto toccare con mano la loro voglia di entrare in contatto con la cultura napoletana anche attraverso la conoscenza  degli ingredienti del territorio come i pomodori Ciao.

Quindi a che punto è lo stato dell’arte (bianca) in Oriente?

Le associazioni di categoria,  i tanti produttori campani che lavorano alla diffusione della napoletanità, il Disciplinare della Verace Pizza stanno facendo tanto per esportare il lato napoletano dell’arte bianca.-  Ecco la conclusione di  Maurizio Iannicelli e Angelo Tramontano. – Certo, ci sono ancora aspetti da limare, ma grazie anche alle nuove tecnologie video che avvicinano le nazioni e le nozioni, oggi in tanti paesi del mondo la pizza ha ricominciato a parlare il napoletano!